Amore a prima pagina #3 |”Dente per dente” di Francesco Muzzopappa

Buon pomeriggio a tutti! Nella rubrica “Amore a prima pagina” non poteva mancare l’ultimo libro di Muzzopappa che mi ha tramortita a suon di battute. Un libro non mi faceva ridere così da…credo che nessun libro mi abbia mai fatto ridere così tanto! Dopo averlo letto in digitale per partecipare al blogtour (trovate qui la mia tappa), ho deciso di prendermi anche il cartaceo, perché sì. Dovevo averlo. Metti che un giorno ti senti un po’ giù…vuoi non avere questo libro sottomano per farti tornare il sorriso? Della serie “curarsi con i libri”: perché l’ ironia  salverà il mondo! 😉

P. S. Inutile ribadire che questa rubrica è una mia dichiarazione d’amore a tutti gli inizi, di qualunque natura essi siano (magari, eccetto l’herpes).


dente-per-dente-light-672x1024

Editore: Fazi

Collana: Le meraviglie

Pagine: 218

Data di pubblicazione: 22 giugno 2017

Prezzo: brossurato € 15,00 / ebook € 7,99

L’inizio

Cominciamo dalla parte triste. Perderde due dita a quindici anni ti rende popolare come la sifilide o la gonorrea. L’adolescenza non l’ho vissuta, l’ho subita. Prendiamo le ragazze: quelli come me li fiutavano a distanza. Ero quel tipo di ragazzino triste con una leggera peluria sul labbro, destinato a ragazzine tristi con una leggera peluria sul labbro. Mi spettinavano i capelli dicendomi «come stai, campione?», dove campione era ovviamente ironico. Nessuno chiama campione un vero campione. Andava male con le ragazze, socializzavo poco con i ragazzi. Convinti di possedere un raffinato umorismo, si deivertivano a inventare per me deliziosi nomignoli come “Ottodita” o “Moncler” (da Monco, ah-ah). Il mio passatempo preferito era ormai scrollare le spalle. Mi sentivo sbagliato: non riuscivo a stare in mezzo agli altri, a seguire le lezioni, a stringere amicizia, a presentarmi a una ragazza. Ero considerato una rara forma d’acne sulla pelle liscia della società. Mi esplodeva il cervello. Se avessero inaugurato la fiera del mal di testa ne sarei stato l’ospite d’onore. Per quanto mi sforzassi di entrare nella parte della persona normale, i miei parenti facevano di tutto per ricordarmi che non lo ero affatto, regalandomi le avventure a fumetti del cane Babao senza una gamba o di Tommy Cieco, un ragazzino sfortunato circondato da amici premurosi. Con un livello si autostima ridotto a uno strato sottile di pasta brisée, mi stavo trasformando in Quasimodo del Gobbo di Notre Dame, senza però il dono del canto. Capii ben presto che, se non volevo diventare uno di quei ragazzi che gli assistenti sociali definiscono “problematici”, abituati ad ascolatre gli Evanescence mentre si procurano taglietti su braccia e gambe, avrei dovuto reagire in qualche modo. Qualunque modo. Così, intorno ai sedici anni, elevai la mia cameretta a Eremo delle Carceri. È un vecchio trucco nemmeno troppo furbo: immergersi in un hobby totalizzante per non regolare fino in fondo i conti con la vita. Mi sono abbonato, così, al mensile «Auto&Motori», diventando un nozionista da quiz televisivo. Chiuso in camera per ore con la schiena piegata a tutto sesto sulle riviste, mi producevo in sedute così lunghe ed estenuanti da far impallidire le interminabili performance della Abramovic. Mi vedevo già costretto a portare avanti una vita da recluso, con la prospettiva di vivere di sussidi statali, senza conoscere l’amore e con la sola prospettiva di ripiegare, magari, su una storia a distanza via email con una ragazza che mi avrebbe spillato tutti i quattrini con frasi dall’italiano zoppicante come Te juro che te amo, ammore mio, versa soldi in mio IBAN.

Fatemi sapere se l’avete letto!

Stay imbranation

The imbranation girl

 

Annunci

Un pensiero su “Amore a prima pagina #3 |”Dente per dente” di Francesco Muzzopappa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...