I Preferiti non-beauty di Aprile!

Buon pomeriggio cari lettori, oggi vi farò sbirciare fra le mie “cose” preferite del mese di aprile, tra cui ci sono immancabilmente cose buone, cose profumate e cose belle.

Progetto senza titolo-54

Iniziamo dal cibo. In foto vedete un sacchetto di fiocchi d’avena, perchè nel mese di aprile ho iniziato a farmi il porridge la mattina per colazione. Sì sì, proprio quella “allettante” pappetta dal colore…meglio che non vi dica cosa mi ricorda il colore! XD La prima volta che l’ho assaggiato non credevo che avrei resistito e lo vedevo già buttato nel cestino, invece, sorpresa, mi è piaciuto!

Faccio cuocere per circa 15 minuti i fiocchi d’avena nel latte di soia o di riso (dipende da quale dei due ho in casa), aggiungendo un pizzico di sale, una spolverata di cannella e un cucchiaino di sciroppo d’acero. Una volta pronto, aggiungo sopra delle mandorle o mirtilli freschi e via! I biscotti Gran Cereale Digestive sono super promossi, friabili, non troppo dolci, ideali da mangiare con lo yogurt la mattina (quando non mangio il porridge, ovviamente, altrimenti esplodo!) E poi…e poi, la chicca del mese. Se sapevate già che esisteva e non me l’avete detto allora non possiamo essere amici, perché una cosa così buona va condivisa come sto facendo io ora con voi, il verbo della ciccioneria va diffuso, altrimenti che gusto c’è ad ingozzarsi da soli? Sto parlando di questa crema spalmabile fondente di Witor’s, senza glutine e senza olio di palma (che ora fa figo dirlo). Dovete trovarla e assaggiarla! Perché? Perché è la fine del mondo. Nutella chi?

Passiamo ai preferiti “non commestibili”: non ho fatto altro che sniffare per tutto il mese la candela trovata nella Born to read box di marzo (ve ne parlerò presto qui sul blog). A parte il fatto che è bellissima, ispirata alle principesse del ghiaccio dei libri, sa di foresta innevata, di freddo, di ghiaccio, di…buono!

Sempre nella Born to read Box, c’era questo segnalibro magnetico ispirato alla Sirenetta e l’ho usato per tutto il mese per tenere il segno nei miei libri preferiti, tra cui c’è stato il nuovo thriller di S.K.Tremayne “Il bambino bugiardo”. Sebbene il finale mi abbia un po’ deluso, ho amato le ambientazioni di questo romanzo e alcune scene veramente da brivido (vi lascio qui il link alla recensione).

Durante il mese di aprile ho guardato tre serie moooolto diverse fra loro che mi sono piaciute moltissimo. La prima è stata “13” o “Thirteen reasons why”, come dir si voglia, su Netflix.

04352062466857dc96998eb4ad03f2f39c390cf4.jpg

Ormai se ne è parlato in tutti i luoghi e in tutti i laghi, quindi dubito che non sappiate di cosa parla. C’è chi l’ha amata e chi l’ha considerata sopravvalutata. A me è piaciuta molto, anche se alcuni punti, secondo me, sono stati drammatizzati eccessivamente. Gli argomenti trattati sono molto forti e controversi (il suicidio giovanile e il bullismo) e alcune scene sono piuttosto crude, ma credo che ne valga la pena di guardarla.

Poi c’è stata Big Little Lies – Piccole grandi bugie (andata in onda su Sky Atlantic), serie basata sul romanzo omonimo di Liane Moriarty. Bellissime le protagoniste (Reese Witherspoon, Nicole Kidman, Shailene Woodley) e perfette nella parte di tre donne in un paesino sulla costa californiana in cui tutto è apparenza e perfezione, ma ognuna di loro nasconde un lato fragile e oscuro.

maxresdefault-5.jpg

La serie inizia lasciando intendere allo spettatore che è avvenuto un omicidio durante una serata trivia, serata che vedremo solo nell’ultima puntata.

Risultati immagini per big little lies

Non sappiamo chi è la vittima nè tantomeno chi può essere l’assassino tra tutti i personaggi che vediamo avvicendarsi sullo schermo, e questo ovviamente genera una curiosità che spinge a guardare tutti gli episodi voracemente. Provare per credere. 😉 E poi sono andata in fissa con la canzone che funge da sigla “Cold little heart” di Michael Kiwanuka…e ciaone!

Infine una serie che mi ha fatto divertire e capire che c’è speranza per tutti, perché la protagonista di “Girlboss” è una sconclusionata totale.

837e670e1cf74719ce42dca60acebe66a391157e

La serie ha debuttato il 21 aprile su Netflix e narra le vicende di Sophia, giovane eccentrica e arrogante che sogna di diventare miliardaria semplicemente stando sdraiata sul letto. E ci riesce. La storia è quella di Sophia Amoruso, diventata miliardaria rivendendo abiti vintage su internet, creatrice del sito Nasty Gal, uno dei più famosi shop online del mondo. Sophia è insofferente e sboccata, e rifiuta categoricamente di conformarsi alla realtà corrente, ovvero trovarsi un lavoro serio e stabile per vivere. Nell’arco delle tredici puntate seguiamo l’avvicendarsi delle sue singolari peripezie in una San Francisco nascosta e affascinante.

 

Risultati immagini per girlboss netflix

Risultati immagini per girlboss netflix

Risultati immagini per girlboss netflix

Bene gente, io ho finito qui. Se avete voglia di condividere con me qualcosa che vi è piaciuta di recente, qualsiasi cosa, lasciate pure un commento qui sotto 😉

Stay imbranation

The imbranation girl

10 pensieri su “I Preferiti non-beauty di Aprile!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...