Teaser Tuesday #27

Buon pomeriggio cari imbranations, è da un po’ che salto la rubrica del martedì, così ho deciso di riprendere oggi proponendovi l’estratto da un bellissimo libro che sto leggendo.  As always, trovate le info sulla rubrica qui sotto 😉

Teaser Tuesday è una rubrica del martedì ideata dal blog Books and a Beat, con lo scopo di incuriosire voi che ci seguite riguardo alle nostre letture del momento:

  • prendere il libro che state leggendo
  • aprite ad una pagina a caso
  • condividete alcune frasi contenute in quella pagina
  • fate attenzione a non includere spoiler!
  • condividete anche il titolo e l’autore, in modo che gli altri partecipanti possano aggiungere il libro alla loro lista dei “TBR” (to be read=libri da leggere) se gli è piaciuta la vostra anteprima.

Processed with VSCO with s3 preset

Sinossi: Affascinante. Divertente. Distaccato. Ecco le tre parole d’ordine di Jack Masselin, sedici anni e un segreto ben custodito. Jack non riesce a riconoscere il volto delle persone. Nemmeno quello dei suoi fratelli. Per questo si è dovuto impegnare molto per diventare Mister Popolarità. Si è esercitato per anni nell’impossibile arte di conoscere tutti senza conoscere davvero nessuno, di farsi amare senza amare a propria volta. Ma le cose prendono una piega inaspettata quando Jack vede per la prima volta Libby. Libby che non è come le altre ragazze. Libby che porta addosso tutto il peso dell’universo: un passato difficile e tanti, troppi chili per farsi accettare dai suoi compagni. Jack prende di mira Libby in un gioco crudele, un gioco che spedisce entrambi in presidenza. Libby però non è il tipo che si lascia umiliare, e il suo incontro con Jack diventa presto uno scontro. Al mondo non esistono due tipi più diversi di loro. Eppure… più Jack e Libby si conoscono, meno si sentono soli. Perché ci sono persone che hanno il potere di cambiare tutto. Anche una vita intera.

“A casa, Mia-madre-con-i-capelli-raccolti è nel suo studio, assorta nel lavoro, circondata da svariati testi di diritto aperti sulla scrivania e il ronzio del computer come sottofondo. Busso alla porta: «Figlio maggiore a rapporto». Mi lancia quell’occhiata clinica tipica delle mamme. 

«Sei riuscito ad arrivare a fine giornata senza aggredire nessuno o venire convocato in presidenza?»

«Sì, ce l’ho fatta» rispondo alzando le braccia a V come un atleta trionfante che taglia il traguardo. 

«Bene. Auguriamoci di continuare così.»

Incrocia le dita di una mano mentre con l’altra tiene il segno in un libro. 

«A proposito, è arrivato un pacchetto per te. L’ho lasciato sul ripiano in cucina. Che cos’hai ordinato?»

«Roba per la scuola.» Spero che d’ora in poi dia per scontato che ho imparato la lezione e sono diventato un ragazzo modello. Le squilla il telefono e scuote la testa. «Ordina una pizza o quello che vuoi, sempre che tuo padre non si inventi qualcosa per cena.»

«Credo che non sia ancora rientrato.»

Dalla sua faccia si cancella qualsiasi espressione. Lei si ammazza di lavoro e suo marito è un verme; non si merita di soffrire così. Senza darle il tempo di aprire bocca, trotterello dietro la scrivania e le scocco un bacio sulla guancia. «Abituati a queste smancerie, mamma. Ne ho da vendere. Eccotene un altro po’ per tirarti su.» E la abbraccio. Non è chissà che, ma la fa ridere anche se mi spinge via. 

Apro il pacco in camera mia. Due libri di Oliver Sacks, uno studio sulla percezione visiva intitolato Face and Mind e la biografia del pittore Chuck Close, un tipo coi controcampi che si è fatto un nome dipingendo ritratti molto particolari. È semiparalizzato, costretto su una sedia a rotelle, e soffre di prosopagnosia, ma i suoi quadri sono pazzeschi. Ecco come fa:

  • Fotografa il soggetto con una Polaroid
  • Traccia una griglia su questa immagine
  • Riporta i tasselli sulla tela riquadro per riquadro utilizzando colori a olio, acrilici, inchiostro, grafite o matite colorate. 

Secondo lui tutto si riduce alla faccia.

Esclusivamente alla faccia. 

Perché la faccia è una mappa della vita.”

∼ pp. 237-238, “L’universo nei tuoi occhi” di Jennifer Niven, edito da De Agostini, pubblicato il 21 marzo 2017.

Jennifer Niven ha vinto lo scorso anno il Premio Mare di Libri 2016 per la categoria Young Adult con il suo romanzo “Raccontami di un giorno perfetto”, divenuto caso editoriale dell’anno. Che ne pensate del suo nuovo libro? A me sta emozionando molto e sono curiosa di scoprire come si evolverà la storia.

Stay imbranation

the imbranation girl

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...