Recensione: “Dream. Patto d’amore” di Karina Halle

 

Buongiorno cari imbranations, oggi esce in libreria “Dream. Patto d’amore” di Karina Halle (già pubblicato in eBook a novembre 2016) e andremo a scoprirlo insieme, dato che ho potuto leggerlo in anteprima grazie alla copia digitale inviatami dalla CE.

nzo-107

Titolo: Dream. Patto d’amore

Autore: Karina Halle

Editore: Newton Compton

Collana: Anagramma

Genere: contemporary romance

Pagine: 319

Data di pubblicazione: 2 febbraio 2017

Prezzo: rilegato € 7,90 / eBook € 1,99

Linden McGregor è un pilota di elicottero con un accento scozzese e fascino da vendere. Stephanie Robson è una donna d’affari ambiziosa che possiede le armi per sedurre un uomo. Potrebbero essere una coppia perfetta e invece sono solo amici per la pelle. Quando erano più giovani hanno fatto anche un patto: se nessuno dei due avesse trovato l’anima gemella entro i trent’anni, si sarebbero sposati. Ora che il tempo è scaduto, e che gli amanti entrano ed escono dai loro letti sempre più spesso, è giunto il momento di onorare quella promessa, anche a costo di rovinare un’amicizia che dura da una vita. Ma sarà davvero possibile per due amici andare a letto insieme, o addirittura ritrovarsi sull’altare?

Sulla copertina intravediamo il noto Golden Gate, e ne deduciamo che la storia è ambientata a San Francisco: una storia di amicizia, d’amore, di lealtà, giocata sul famoso triangolo amoroso, che rende il tutto più intrigante. Stephanie, appena ventenne, cerca lavoro, e quando viene assunta al Lion dal proprietario James, un tipo tenebroso, tutto tatuaggi e capelli lunghi, crede di aver vinto la lotteria. Al pub lavora anche Linden, un amico di James, un affascinante scozzese dagli occhi di ghiaccio che farebbe impallidire persino Gerard Butler, donnaiolo incallito dal sorriso irresistibile, che diventerà il migliore amico di Stephanie. James e la ragazza iniziano subito a frequentarsi e avranno una storia d’amore, ma dopo la loro rottura decidono di restare amici, così il trio diventa inseparabile: Linden, James e Steph continueranno a vedersi al Lion, a confidarsi e a sorreggersi l’uno con l’altro. Gli anni passano e Linden è diventato un pilota di elicotteri, mentre il sogno di Steph è aprire un negozio di abbigliamento, ma i soldi non sono mai abbastanza e continua a rimandare. Arriviamo ai loro venticinque anni e una sera al Lion, dopo aver bevuto un po’ troppo, Linden propone a Stephanie di fare un patto: se entro i trent’anni non avranno una relazione stabile con nessuno allora si sposeranno tra di loro. La ragazza accetta, credendo che sia solo un gioco dettato dall’alcol, ma negli anni non farà altro che tornare col pensiero a quella sera e a quella stupida promessa. Nei successivi cinque anni vediamo i tre ragazzi passare da una relazione all’altra, in un susseguirsi di bei modelli tontoloni, impiegati traditori e ragazze psicolabili, mentre Stephanie finalmente riesce a coronare il suo sogno e apre il suo tanto agognato negozio. Sempre presi dai loro impegni, negli ultimi tempi i tre non si frequentano più come una volta, ma durante una rimpatriata, Penny, la ragazza di James, propone di trascorrere il weekend in uno chalet tutti insieme, così i tre amici si ritrovano sotto lo stesso tetto con i rispettivi partner. Una sera, in spiaggia davanti al fuoco, stanno giocando a obbligo o verità e Penny impone a Linden di baciare Stephanie: quel bacio libererà tutta la passione trattenuta a stento negli anni, e li obbligherà ad interrogarsi su cosa provano davvero l’una per l’altro. Anche perché sono giunti al traguardo, i trent’anni stanno per scadere e un vecchio patto stretto in una sera tra i fumi dell’alcol torna a far capolino: Linden e Steph possono continuare ad ignorare i loro sentimenti dopo quel bacio? E se non lo facessero cosa ne sarebbe della loro amicizia? E cosa ne sarà di James, che sembra ancora provare qualcosa per Stephanie?

Inutile dire che il triangolo amoroso funziona sempre, e ogni personaggio gioca un ruolo particolare all’interno dello schema: James è il ragazzo con un passato difficile alle spalle, nato da una famiglia povera e fattosi con i suoi soli sacrifici, (non tanto) segretamente nutre una forte gelosia nei confronti di Linden, il quale proviene da una famiglia benestante e agli occhi di James ha sempre ottenuto ciò che vuole senza alzare un dito. In realtà Linden ha sempre sofferto la mancanza di affetto dei genitori, che credevano di poter compensare con costosi regali le attenzioni di cui il figlio aveva bisogno. Stephanie è la classica ragazza dolce di cui tutti si innamorano, e non è difficile comprendere perché James e Linden provano sentimenti molto forti nei suoi confronti. Sinceramente, il personaggio più odioso è James, che si comporta in modo subdolo e meschino con il suo miglior amico, e se fossi stata al posto di Steph non so se sarei riuscita a perdonarlo.

Il libro è scorrevole, la storia è ricca di svolte inaspettate che tiene sempre alta l’attenzione del lettore. Gli elementi che non ho apprezzato molto sono il linguaggio dei personaggi, a volte davvero grezzo, e le scene di sesso che spesso sconfinano nel genere erotico. Ve lo consiglio se vi piacciono le storie di amori proibiti tra amici, in cui i sentimenti spesso si confondono e ingarbugliano le situazioni. Fatemi sapere se lo leggerete! 😉

Stay imbranation

The imbranation girl

Annunci

Un pensiero su “Recensione: “Dream. Patto d’amore” di Karina Halle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...