Vieni al cinema con me: “Into the woods”

Oddio che ansia, il primo post! Ok, respira…uuuhhh…ci sono. Ho deciso di rompere il ghiaccio partendo da un settore a cui tengo particolarmente: il cinema. Il pomeriggio di Pasqua è in genere uno dei più noiosi dell’anno, anche perché solitamente piove -.-  Quindi…perché no, quest’anno un bel filmetto ci stava tutto. Sono andata a vedere “Into the Woods”, uscito nelle sale il 2 Aprile ma di cui avevo sentito parlare già da molto tempo. Sin dalle prime locandine ero rimasta affascinata da questa atmosfera un po’ cupa del bosco e dal filtro sui toni del blu utilizzato per la pellicola. Se considerate che il blu è il mio colore preferito e che Meryl Streep, che è la mia attrice preferita (e di chi non lo è?), interpreta il ruolo della strega cattiva, un po’ svitata e con i capelli blu…ciao proprio! Un unico particolare, avevo completamente ignorato che si trattasse di un musical. Ora, io non ho nulla contro i musical, anzi mi piacciono anche, però sarà che li ho sempre visti a casa dove avevo la possibilità di mandare avanti, o fare una pausa tisana, pausa biscotti, pausa per fissare il muro o per quello che volete, fatto sta che non ero preparata all’esperienza musical al cinema. Un’ora prima che inizi lo spettacolo la mia amica mi manda un messaggio e mi dice: “io non ci vengo a vedere questo film, quelli cantano!” Al che ho pensato “vabè si faranno una cantatina ogni tanto, del resto è un film Disney…”  Fatto sta che se prima eravamo in tre a ballare l’alligalli, siamo rimaste in due a ballare l’alligalli. E già, perché questa mia amica prende e se ne va a vedere “Fast and furious”. Dopo esserci sorbite ben dieci minuti di trailer esclusivamente di film per bambini, finalmente iniziamo a entrare “into the woods”. Le favole le conoscete tutti bene o male no? Ecco qui le vostre solide reminiscenze infantili verranno leggermente intaccate, ma non vi svelo nulla, per ora. Certo è che i personaggi non saranno gli stessi che avrete immaginato da piccoli sotto le coperte mentre qualcuno vi raccontava una favola (Ok, ora non leggete oltre se non avete ancora visto il film, vi ho avvertiti). Prendi Cappuccetto rosso per esempio, una tipa che si ingozza di dolcetti, e che pensa che probabilmente la nonna sarà già schiattata nella sua casetta nel bosco; o il principe azzurro di Cenerentola che, una volta sposata, la tradisce con la moglie del fornaio. Cioè…qui c’è da chiamare Freud. A parte questo, il film mi è piaciuto molto, anche perché vogliamo parlare del cast?mica pizza e fichi! Ho già accennato a Meryl Streep, che ritroviamo fantastica protagonista di un musical (perché sì, la signora sa  cantare e anche maledettamente bene!), ma come non parlare di Johnny Depp nelle vesti del lupo cattivo di Cappuccetto e di Chris Pine alias Principe Azzurro? Apriamo il capitolo Johnny depp: allora…se uno come lui mi dicesse “Buongiorno bambina” con quello sguardo e quella voce, anche se ha le orecchie pelose e necessita di manicure e pedicure, che fai non lo segui? Capitolo Chris Pine: ma avete visto quanta roba? Sarebbe stato meglio se non avesse cantato ma chissene pur di vederlo! Va detto che sembrava il padre della povera Cenerentola interpretata da Anna Kendrick (forse è per questo che poi va con la moglie del fornaio, boh?) . In tutto ciò l’unica cosa che ho fatto fatica a reggere è stato proprio il canto. Cioè, non è tipo “Mamma mia” o “Funny Girl” o ancora “La febbre del sabato sera”, dove bene o male ci sono dialoghi non cantati. NO NO NO! Qua si canta sempre, si canta pure da morti (vedi la moglie del fornaio) e io al decimo “I wish” già mi sarei buttata per terra e mi sarei messa la bava finta per farmi portare via dalla sala. Riassumendo, il film mi è piaciuto, ma avrei gradito un pizzico di canto in meno. Ve lo consiglio? Assolutamente si, se vi preparate psicologicamente a due ore di musical! E poi, alla fine, se avrete accompagnato i vostri figli a guardare questo film, vi renderete conto che in realtà è più una favola per adulti che per bambini e vi ricorderà di stare attenti a ciò che insegnate ai vostri piccoli perché loro vi ascolteranno e se ne ricorderanno. Capito genitori? Sempre in guardia!

Annunci

3 pensieri su “Vieni al cinema con me: “Into the woods”

  1. Ma dai che come primo post è carinissimo. Una recensione accurata ma anche personale. Mi è piaciuta molto. Ecco lo vedrei più a casa con calma. Anche perchè nessuno mai mi avrebbe accompagnata a vedere un musical!
    Baci e attendo il prossimo post!
    laSvamps

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...